Biografia, 2/3

         Nel 1975 espone alla galleria Antenna di Bergamo. Realizza la cartella di litografie "Tre alberi di Puglia" con prefazione di Giuseppe Giacovazzo e tiene una personale alla galleria La Cupola di Padova, presentato da Carlo Munari. Viene pubblicato il volume "Un pittore e la sua terra" di Antonio Rossano.

         E' del periodo 1976-78 il ciclo di tempere "Paese vivrai" testo di Giacovazzo, che viene esposto in varie cittą italiane.

         Nel 1977 allestisce una personale alla galleria Boccioni di Milano e ottiene il secondo premio alla mostra nazionale Cadorago-Lario. Con presentazione di Curzia Ferrari espone nel 1978 alla Madison Gallery di Toronto e partecipa alla mostra "La pittura italiana contemporanea" in varie cittą del Canada.

         Nel 1980 per le edizioni Renzo Cortina realizza la cartella di acqueforti "Dove migrava il primo vento" con poesie di Sebastiano Grasso e testo di Raffaele de Grada. Inizia il ciclo di opere "L'estate barocca".

         Espone nel 1981, con presentazione in catalogo di Rossana Bossaglia alla galleria Schettini di Milano.

         Nel 1983 realizza per l'Editrice Angolare la cartella di litografie "Radici nella pietra" testo di Ugo Ronfani. Viene nominato Consigliere per l'Arte Moderna del Ministro dei Beni Culturali.

         Viene segnalato al catalogo Bolaffi 1984 da Sebastiano Grasso ed espone, presentato da Roberto Sanesi, pastelli/acquarelli alla galleria Cortina Cavour di Milano. Vince il primo premio ex-aequo alla mostra Nazionale Sulmona. Dalla produzione TPE di Bari viene realizzato il documentario "Filippo Alto: un artista, un paese", commento di Raffaele de Grada. Entra nel Consiglio d'Amministrazione della Triennale di Milano.

         Partecipa nel 1985 alla Rassegna Nazionale di Acireale "Elogio dell'Architettura", ordinata da Riccardo Barletta e tiene una personale alla galleria Arte Spazio di Bari con testo di Pietro Marino.

         Nell'anno 1986 ottiene il premio del Presidente della Repubblica alla XXIII Mostra Nazionale di Santhią. Espone, su invito del Sindacato Nazionale Pittori Jugoslavi in mostre personali a Spalato, Hvar, Sarajevo. L'Editrice Prospettive d'Arte di Milano realizza una cartella di litografie. Allestisce una personale nelle sale di Palazzo Barberini a Roma presentato da Maurizio Calvesi.

         Nel 1987 espone in mostra personale presso la Camera di Commercio Italiana di Parigi. La rivista "Il Rosone" organizza una personale presso il Palazzetto dell'Arte di Foggia.

         Partecipa alla rassegna "Omaggio a Leopardi" coordinata da Leonardo Mancino. Una sua litografia per il Lions Club Bari Svevo viene corredata dalla lirica "S'innervano i rosoni" di Egidio Pani. Vince il primo premio alla Mostra Nazionale di Cadorago-Lario.

         Nel 1988 una vasta antologica viene allestita al Centro Italsider di Taranto con prefazione di Giuseppe Francobandiera. La litografia in cartella "Attraverso l'ulivo" ha la presentazione di Arnaldo Giuliani.

 

    Precedente Su Successiva